GIMP: come eliminare rapidamente un elemento da una foto

GIMP è un software libero e gratuito per l’elaborazione digitale delle immagini, molto simile a Photoshop.
Io non sono un esperto di grafica ma, alla pari di chiunque si trovasse a gestire un sito, ho frequentemente bisogno di ritoccare alcune foto. GIMP è perfetto per eseguire questo tipo di operazioni; inoltre ha un livello di elaborazione delle immagini veramente completo, del tutto simile a quello di altri programmi professionali, però a costo zero.
L’eliminazione di un elemento in una data immagine è senza dubbio una tra le evenienze che si possono presentare con più frequenza per chiunque dovesse elaborare delle foto da mettere in rete. A questo riguardo GIMP offre una funzione (più precisamente un plugin) che in brevissimo tempo permette di eseguire tale operazione, eliminando l’elemento che si vuole cancellare dall’immagine e ricostruendo contemporaneamente lo sfondo così come sarebbe stato originariamente se quello stesso elemento non fosse stato presente nel momento dello scatto fotografico.
Il procedimento è estremamente semplice ed è spiegato nel dettaglio di seguito, mentre la foto utilizzata per realizzare l’esempio è quella rappresentata all’inizio di questo articolo, dalla quale si ipotizza di voler eliminare il gabbiano.

 

La prima cosa da fare è avviare GIMP (dopo averlo installato se non fosse già stato installato in precedenza) e caricare la foto che si vorrebbe modificare.

 

Una volta che l’immagine è stata caricata si seleziona lo strumento “selezione a mano libera”, come indicato dalla freccia rossa nel riquadro soprastante. Lo strumento “selezione a mano libera” serve appunto per selezionare una parte dell’immagine dando la sensazione di ritagliarla, come se si stessero adoperando delle forbicine.

 

Con lo strumento “selezione a mano libera” si comincia a delimitare tutto il contorno dell’oggetto che si vorrebbe eliminare dalla foto. Non è necessario essere particolarmente precisi durante questa manovra. E’ sufficiente rimanere il più possibile vicini al bordo dell’oggetto, come evidenziato nell’esempio riportato qui sopra, muovendosi con il mouse fino ad avere delimitato tutto l’oggetto (o gli oggetti) che si vorrebbero eliminare.

 

Completato il processo di selezione, tutto il resto dell’operazione verrà effettuato automaticamente da GIMP in maniera molto semplice. E’ infatti sufficiente andare sulla sezione filtri, come evidenziato nella figura soprastante. In questa sezione sono raggruppati tutti i filtri che sarebbe possibile applicare ad una immagine, e ce ne sono davvero una quantità notevole. Per ottenere il risultato desiderato bisognerà andare nel sottogruppo “Miglioramento”, e quindi, nella ulteriore finestra che si aprirà, per selezionare il filtro “Heal selection”, come evidenziato in figura.

 

Una volta selezionato il filtro “Heal selection” si aprirà una finestra come quella evidenziata nell’immagine sopra. Non sarà necessario modificare i parametri da come si presentano, ma sarà sufficiente premere il pulsante OK e lasciare che il filtro compia il suo lavoro (ci potrà mettere più o meno tempo in base alla pesantezza dell’immagine di origine.

 

Non appena il filtro avrà terminato la propria elaborazione (solitamente in qualche secondo di tempo) il risultato sarà come quello che si può osservare nella nell’immagine sopra.

 

A questo punto non si dovrà fare altro che disattivare la funzione “selezione a mano libera”, la quale ci mostra ancora il contorno dell’elemento che avevamo selezionato in precedenza, e il risultato finale sarà quello che si vede nella foto. Il filtro che abbiamo utilizzato ha praticamente sostituito l’immagine selezionata ricostruendo ciò che ci sarebbe stato dietro in maniera perfetta, con un impegno da parte dell’operatore veramente minimo.

Utilizzando questo filtro sono bastati pochi e semplici passaggi per ottenere il risultato desiderato. E’ utile ricordare, comunque, che questo filtro (in realtà questo plugin) non si troverà già installato tra i filtri del programma GIMP, ma bisognerà scaricarlo (gratuitamente) ed installarlo per poterlo in seguito avere sempre disponibile.
In questo articolo viene descritto come scaricare e installare il filtro.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copyright di Gianpietro Scalia