Lei non sa chi sono io… (soprattutto se io in realtà non esisto)

Utilizzando internet per motivi creativi, quale può essere per esempio la realizzazione e il mantenimento di un sito, capita spesso di dover ricercare soluzioni che possano venire incontro alle proprie esigenze. Di solito l’obiettivo è quello di trovare delle risorse gratuite; non tanto per il risparmio economico, ma soprattutto per scoprire quanto le persone in genere sono capaci di ingegnarsi per offrire agli altri delle soluzioni a volte veramente incredibili.
A me è accaduto di appassionarmi in questo tipo di ricerca e così, oltre a memorizzare i siti che offrono soluzioni vincenti, la continua ricerca mi ha portato a trovare siti che probabilmente non sono così utili come si potrebbe immaginare, ma sono veramente incredibili nella loro funzione. Si dovesse stilare una classifica delle risorse più strane che si possono trovare in rete io non saprei veramente a chi dare il podio. Ogni giorno si scopre infatti qualcosa che colpisce più di quanto si è scoperto il giorno precedente.
Qui vorrei mettere in evidenza, per chi non li conoscesse già, due siti molto diversi tra loro ma che, coniugati insieme, riescono a fare una cosa veramente insolita. Probabilmente anche inutile, ma oltremodo curiosa. Oltretutto, riescono a realizzare questa sorta di magia in maniera davvero impeccabile. Permettono, cioè, di realizzare una entità che in realtà non esiste.
Alcuni frequentatori della rete sono soliti inventarsi una identità, sebbene io non ne comprenda il motivo. Cambiano il nome, l’età, la localizzazione geografica di residenza, la descrizione fisica; alcune volte pure il sesso. Realizzare tutto ciò è logorante e inoltre non permette di crearsi una immagine fotografica, se non rubando l’identità di qualcun altro.
E comunque, per quanto si tenti di essere perfezionisti in questa creazione identitaria, qualcosa sfugge sempre alla propria attenzione e spesso si finisce per essere approssimativi. Non lo dico per andare controcorrente, ma ci vuole una vita per costruirsi una vita; illudersi di costruirne un’altra, seppure virtuale, è una faccenda complicata.
Il primo sito che prendo in considerazione fa esattamente questo. Niente altro che questo: costruisce una identità quasi perfetta.
La pagina del sito si presenta come nell’immagine sottostante


Già nella definizione posta in alto viene specificato chiaramente che sarà generato un nome falso, e subito viene presentato un insieme di quesiti da compilare specificando il sesso desiderato, il nome da impostare in base allo stato dal quale si vuole che questa persona origini, e la nazione dove dovrà avere la residenza.
Volendo c’è anche un pulsante di opzioni avanzate. Nel caso venisse premuto la schermata si modifica nel modo seguente

Come si può osservare,  oltre ai dati presi in considerazione precedentemente, in questo caso muovendo il cursore indicato dalla freccia è possibile aggiungere anche una fascia di età della persona che si vorrebbe inventare. Ho anche indicato con un’altra freccia come tra tutte le nazionalità esistenti per definire le caratteristiche del nome, ci sia anche quella di un cittadino hobbit…
Una volta stabiliti questi paramatri non bisogna fare altro che cliccare sul pulsante genera e l’identità sarà subito creata, con tutto ciò che potrebbe essere necessario per apparire vera, come si può evidenziare sfogliando la foto riportata qui sotto

C’è veramente tutto, dai dati personali, alla residenza, al cognome della madre da nubile, al numero della carta di credito e i dati della carta di identità. C’è la professione che si svolge, le caratteristiche fisiche, il numero di telefono e un indirizzo email. Tutto falso, ovviamente, ma volendo l’indirizzo email si potrebbe attivare realmente, e questa cosa darebbe ancora più forza al personaggio inventato. Infine, come specificato sul sito, se si esegue l’accesso si può salvare e riutilizzare in seguito l’identità creata.
Per quanto sia tutto molto curioso, probabilmente ci sono delle situazioni nelle quali un servizio simile possa tornare utile. Per esempio per creare personaggi per un film, o per un libro…
Comunque, per chiunque possa trovarlo utile, il sito si può raggiungere da qui.
La sola cosa che questo sito non realizza è quella di dare un volto alla personalità che abbiamo creato. Sappiamo cioè quanto questa persona pesa, quanto è alta, ma non sappiamo come è fatta.
Per risolvere questo problema viene in aiuto un altro sito, forse ancora più incredibile di questo. Esso infatti non fa altro che creare dei volti che in realtà non esistono. Proprio così. Crea un viso che non esiste, e qualora il volto creato non dovesse interessarci non bisogna far altro che aggiornare la pagina del browser, aspettare qualche secondo ed ecco comparire un nuovo volto. Purtroppo non si può scegliere il sesso o l’età. Bisogna continuare a tentare sino a quando non vien fuori il volto che interessa dare al nostro personaggio costruito in precedenza. Quando il viso che appare ci soddisfa bisognerà salvare l’immagine sul computer per poterla in seguito utilizzare.
Questo sistema funziona sfruttando quella che viene definita una rete generativa contraddittoria (GAN), concetto non semplice da spiegare ma molto interessante se qualcuno volesse approfondire.
Il sito in questione si può trovare a questo indirizzo, e come si potrebbe facilmente comprendere, il suo nome, tradotto in italiano, è “questapersonanonesiste”.
In conclusione devo ammetere che coniugando insieme questi due servizi si può realizzare qualcosa di veramente poco utile, ma certamente di grande impatto.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copyright di Gianpietro Scalia